Shazarahel

ShazarahelShazarahel é l’autrice, l’ideatrice e la realizzatrice di questo sito, nonché dei quadri, dei dipinti, delle illustrazioni e dei libri che vi sono esposti.

Shazarahel è un’artista e scrittrice israeliana d’origine italiana, autrice del libro DNA ebraico, Genetica e Kabbalah (già alla quarta edizione) e di Il cibo oltre la materia; i segreti kabbalistici della cena pasquale ebraica.

Insieme ad una equipe di medici, scienziati e ricercatori ha fondato la rivista Madaat, spazio aperto ad ogni tipo di studi scientifici di frontiera e di medicina alternativa e di studi comparati di Torah e di altre dottrine mistico-religiose.

Oggi lavora ad un grande progetto: la costruzione di Kabbaland, un ecovillaggio e un centro di studi comparati fra scienza e Torah nei pressi di Gerusalemme.

Shazarahel è anche conferenziera. Tiene seminari di studio in Italia, in Francia e in Israele.

La Kabbalart

Shazarahel ha dato vita ad una nuova forma d’arte che coniuga i messaggi più sublimi della Kabbalah ebraica con l’arte.

Si chiama Kabbalart questo nuovo modo di impiegare le arti visive come via di accesso intuitiva ed immediata ai segreti esoterici della mistica ebraica nascosti nel testo sacro, attraverso le lettere, l’analogia delle loro forme e l’applicazione delle tecniche esoteriche alfabeto-numeriche alle parole ebraiche che esse compongono e ricompongono.

Le sue opere sono realizzate con diverse tecniche classiche e moderne, come la pittura ad olio, l’acrilico, l’acquerello, e l’impiego di diversi altri materiali…

Pur affrontando spesso temi cari all’ebraismo, Shazarahel propone una riflessione universale sulle nuove sfide dell’epoca moderna incentrate al dialogo fra la scienza e la sapienza degli antichi Maestri. In questo senso, anche a livello tecnico, si propone come un ponte di congiunzione fra diverse epoche, fra antico e moderno, fra passato e futuro.

Shazarahel ha compiuto i suoi studi artistici in Italia e si è poi definitivamente stabilita in Israele, dove dipinge, espone, scrive libri, impartisce corsi di “Kabbalart”, dà conferenze.

Minibiografia

Shazarahel nasce in Italia nel 1973.

Dal 1994 ad oggi, si è consacrata allo studio dei testi sacri dell’ebraismo, in modo particolare di quelli kabalistici. Dai suoi studi ha tratto ispirazione per le sue opere d’arte, fino a dare vita ad un nuovo stile artistico, la Kabbalart, che coniuga i messaggi più sublimi della Kabbalah ebraica con l’arte.

Nel 2004 si è trasferita in Israele, a Gerusalemme.

Nel 2006 l’Istituto del Tempio di Gerusalemme commissiona a Shazarahel la sceneggiatura per un film fiction sul tema della ricostruzione del Terzo Tempio. Dal 2006 al 2007 lavora alla stesura della sceneggiatura e dello storyboard del film Arba Banim, che successivamente verrà ribattezzato The end of Israel.

Dal 2007 al 2008 realizza tre immense tele per la Yeshivà Or Menahem di Kiryat Arba.

Nel 2008 realizza il cortometraggio Il saggio e il semplice insieme ad un gruppo di adolescenti con problematiche sociali e psicologiche.

Il 22 giugno 2010 riceve dallo Stato d’Israele due riconoscimenti, accompagnati da finanziamenti, come “artista d’eccezione”.

Il 23 ottobre 2011 riceve il Primo Premio del “Concorso Letterario in memoria di Lorenzo Cresti”, con la poesia Riavvolgere il Nastro…

Nel 2011 pubblica il libro DNA ebraico, Genetica e Kabbalah (oggi già alla sua quarta edizione).

Nel 2012 Shazarahel, insieme ad una equipe di medici, scienziati e ricercatori, fonda la rivista Madaat, spazio aperto ad ogni tipo di studi scientifici di frontiera e di medicina alternativa e di studi comparati di Torah e di altre dottrine mistico-religiose.

Nel 2013 esce la versione francese di DNA ebraico, ADN juif, Genetique et Kabbale, e pubblica il suo secondo libro: Il cibo oltre la materia, i segreti kabbalistici della cena pasquale ebraica.

Il 9 giugno 2013 Shazarahel presenta il suo libro al Festival du livre de Nice.

Nel 2014 pubblica in versione e-book i primi tre volumi di una grande raccolta fotografica: Israele nei particolari…

Oggi lavora ad un grande progetto: la costruzione di Kabbaland, un ecovillaggio e un centro di studi comparati fra scienza e Torah nei pressi di Gerusalemme.

Shazarahel è anche conferenziera. Tiene seminari di studio in Italia, in Francia e in Israele.

 

 

Mostre Personali

28.4-16.5.2008 Mostra Personale “Arte e Kabbalah”, Museo HaTanakh, Tel Aviv

7.2009 Mostra collettiva e conferenza “Arte, Web e Kabbalah”, Centro Culturale Francese, Gerusalemme

22.9-31.10.2010 Mostra Personale “Peh el peh”, Centro Shimshon Beit Shmuel, Gerusalemme

2-4.5.2011 Mostra Personale “Kabbalart”, Balazzo Bagnaro, Napoli

 

 

Articoli e Recensioni

 

 

.

 

 

5 risposte a Shazarahel

  • Stefano Turini scrive:

    Salve Sig.ra Shazarahel, mi chiamo Stefano Turini, biologo molecolare e cellulare e Dottorando in Medicina Molecolare presso la Scuola di Medicina dell’Università di Torino. Prima di tutto lasci che le dica che sono profondamente onorato di poterle scrivere direttamente. Ho già inviato tre e-mail al sito di Madaat agli indirizzi Kabballand@gmail.com e Kabbalart@gmail.com poiché non ero a conoscenza di uno specifico indirizzo e-mail al quale contattarla direttamente. Comunque ho allegato un mio breve CV nelle e-mail, nel quale scrivo come da circa dieci anni, mi occupo, come attività extracurricolare, di: Medicina Integrativa, Medicina Quantistica, Medicina Energetica, Medicina Vibrazionale. Mi ha caldamente consigliato di rivolgermi a Lei il Prof. Claudio Viacava, grande amico. La Tesi che Lei propone è straordinaria: Scienza e Fede riunite in un solo corpo e un solo spirito. L’una abbisogna dell’altra e la coesistenza è indubbia. Galileo affermava che Scienza e Fede non sono in contrasto ma due lati della stessa medaglia che raccontano la stessa storia. Con tutto il rispetto e spero che le mie parole non risultino presuntuose, non concordo. A mio modesto parere Scienza e Fede sono due lati che raccontano ciascuno UNA PARTE DELLA STORIA, ma che si intrecciano indissolubilmente. Sta solo a noi scorgere e comprendere l’immenso legame che le unisce. Trovo che la missione di Madaat sia un qualcosa di sorprendente ed è per questo che, rivolgendomi direttamente a Lei le chiedo come posso fare per scrivere anche io per la vostra rivista. Inoltre, mi piacerebbe moltissimo entrare a far parte della vostra équipe di scienziati e di “Esploratori” di un mondo straordinario. Mi sono rivolto al Prof. Claudio Viacava per tutto questo.
    In attesa di una sua risposta Le porgo i più cordiali saluti.
    Buon fine settimana,
    Dr. Stefano Turini

  • ferdinando musumeci scrive:

    Rahel, mi chiedo: come mai siamo rimasti quì, ovvero a questo ultimo messaggio quando abbiamo già scambiato una serie di messaggi? Poi, se non erro, mi pare d’avere chiesto di poter avere qualche scambio di opinione con Lola. Lola non è più reperibile o non ha voglia di comunicare? Sarebbe interessante poter esaurire qualche argomento per poter dare almeno una connotazione a ciò di cui trattiamo. In occasione del solstizio d’inverno o Hanuka per la cultura ebraica, invio i migliori auguri per un’anno di vera luce per tutti noi, che possa crescere con un crescendo Rossiniano fino allo Zenit. Ferdinando.

  • Ferdinando Musumeci scrive:

    Cara shazarael, prima di cominciare con gli scambi culturali o approfondire la cabbalah, ho fatto esplicita richiesta di un certo tipo di informazioni che potrebbero avvicinarmi o allontanarmi dalla cultura ebraica. Ho chiesto d’avere delle risposte sincere perchè le domande lo sono. Per cui, abbiate la gentilezza di volermi rispondere per poi proseguire un cammino insieme. Grazie e distinti saluti. Ferdinando.

    • Shazarahel scrive:

      Carissimo Ferdinando,
      essendo la tua una domanda complessa, ti propongo di aprire una discussione sul nostro forum aperta a tutti, in modo che anche altri lettori possano intervenire esprimendo la loro opinione a riguardo.
      Premesso questo, confesso di non aver capito quale sia la tua domanda…

Categorie
Rivista Madaat
scarica il nuovo numero di Madaat in omaggio!






* campo obbligatorio.


Dopo aver inserito i tuoi dati, riceverai una mail di conferma contenente il link da cui potrai scaricare la rivista Madaat

(Questo per evitare che qualcuno possa iscriverti senza il tuo accordo. I tuoi dati resteranno confidenziali)

Shalom e grazie!